martedì 27 ottobre 2009

Di come Lady Gaga abbia salvato il Pop da un tetro e triste decennio di Icone di seconda scelta



Bad Romance è il nuovo singolo della rivelazione pop di questa felicissima annata. Lady Gaga è indiscutibilmente il fenomeno pop più dilagante e invadente degli ultimi 10 anni. The Fame Monster segue di solo un anno l’album di debutto The Fame, e uscirà il 23 Novembre.

Solo dodici mesi fa, Stefani Joanne Angelina Germanotta andava in giro per l’Europa esibendosi dal vivo in eventi che considereremmo una tacca sopra la Sagra della Melanzana di Guardavalle e un gradino sotto Miss Pieve Di Cadore.

Lei, fiera e già all’epoca conciata come la figlia segreta di Miss Piggy e Darth Vader, portava in giro Just Dance catturando l’attenzione dei più lungimiranti e la compassione dei soliti eccone un’altra che tra due anni venderà collanine sulle spiagge di Formentera.

continua

image via jerome k

8 commenti:

Smeerch ha detto...

Questo post ti dà diritto al trono di direttore di Grazia. Il magazine cartaceo.

Pier ha detto...

hai espresso in una forma impeccabile ciò che esattamente penso su stefani.
troppi amici ho fatto ricredere su di lei con la sua riedizione acustica di poker face e di paparazzi.
di talento ne ha la ragazza, ooh-la-lah a parte, una ragazza newyorkese che conosco la conosceva perché andavano nella stessa esclusiva scuola di pianoforte (cosa che si butta là nelle conversazioni tanto per e che quando ho scoperto mi ha procurato un istantaneo infarto al miocardio per la storia dei sei gradi di separazione, in particolare dopo aver visto la sua foto con madonna alla festa di marc jacobs :D ), è cazzuta, per usare il gergo carlopastoriano.
e non ha un "semplice" talento musicale, che spesso viene accantonato per fini commerciali in favore del sintetizzatore, ma ha un enorme potere di immagine, tanto agognato ma mai raggiunto veramente da tutte le stelline del puttan-pop, che non può che ricordare immediatamente Madonna.
e di madonna è ovviamente subito stata proclamata erede, dopo la gaffe britney spears.
secondo me le carte ce le ha.
e se si considera che madonna quel talento musicale (nonostante sì, per evita si è messa sotto di brutto, sì, ha deciso che avrebbe impugnato una chitarra una canzone sì e una no, sì, "rifacciamo pure imagine tanto" e via dicendo) nel vero senso della parola non lo ha mai avuto, stefani potrebbe pure osare di più.
sempre che non si perda dietro centoventi riedizioni dello stesso album con qualche remix in più, o a overdosi di cocaina e medicinali, che tanto vanno di moda, o non diventi la caricatura di sé stessa perché reinventarsi sì ma solo ne guardaroba.

infine, non sono da dimenticare i suoi ripetuti ed espliciti interventi in favore della comunità LGBT (dei fan froci ndr), cosa abbastanza anomala, sebbene sia difficile da credere, per i nuovi volti del sopracitato puttan-pop.
cosa che per prima fece proprio la ciccone. o la lauper.

brugo ha detto...

è vero, lei è decisamente l'unica vera candidata alla successione, perchè un'altra in fondo non c'era davvero mai stata. sperando sempre che non si sputtani, come dicevi tu.

ps

è per commenti come questo che vale la pena scrivere un post apposta per Lady Gaga.

Pier ha detto...

:)
è per post come questi che accantono lo studio che mi guarda in cagnesco per spendere venti minuti a commentare.
anche se ne fai davvero troppi pochi sul genere di quelli di grazia, ed è un peccato (btw oggi rispulciandoli ho riletto quello su gossip girl con enorme piacere - e con cognizione di causa, visto che all'epoca non lo guardavo ancora- e che ho prontamente postato su facebook)

Andre ha detto...

bravo brugo.
(anche questo commento vale la pena?)

Pierluca ha detto...

a proposito
http://www.youtube.com/watch?v=ACm9yECwSso

brugo ha detto...

mi sembra non ci sia altro da aggiungere.

Paolo Bassotti ha detto...

Lady Gaga è legata a Madonna dalla convinzione che ci sia Arte anche nel vendere un prodotto artistico. E' un pensiero figlio di Warhol (non a caso Madonna ha respirato l'aria - le ultime boccate di sigaretta - di quella New York lì). La prima a partire da New York per conquistare il mondo giocando a questo gioco è stata Debbie Harry. Ma era troppo bella, e il mondo dei media ancora non era pronto per un personaggio/prodotto simile.